Verona, Patrimonio Mondiale UNESCO

Dall’anno 2000, il centro storico di Verona rientra nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO per la sua ammirabile struttura urbana e per la sua architettura sviluppatasi progressivamente negli anni integrando elementi artistici di qualità di differenti periodi storici. Verona, inoltre, come annunciato durante l’Assemblea Plenaria del World Heritage Committee (WHC) volta a conferirle tale titolo,... View Article


Dall’anno 2000, il centro storico di Verona rientra nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO per la sua ammirabile struttura urbana e per la sua architettura sviluppatasi progressivamente negli anni integrando elementi artistici di qualità di differenti periodi storici. Verona, inoltre, come annunciato durante l’Assemblea Plenaria del World Heritage Committee (WHC) volta a conferirle tale titolo, rappresenta uno splendido esempio di città fortificata in più tappe caratteristico della storia europea.

La bellezza del centro storico di Verona incanta turisti e cittadini veronesi offrendo ad entrambi vie, piazze, monumenti storicamente datati ma dall’aspetto tutt’ora meritevole. Ogni iniziativa promossa ed organizzata nel centro storico cittadino ha la capacità di coinvolgere un gran numero di persone convogliando forestieri attratti dalla notorietà artistico – culturale di Verona, e veronesi ancora una volta pronti a rimanere affascinati dalla città.

A tal proposito, Fuori-Fiera dispone una serie di iniziative nel medesimo centro storico al fine di promuovere e valorizzare luoghi cittadini degni di lode.

Ogni tappa dei tre percorsi del Tour Arte e Sapori del Territorio, che si terrà sabato 14 aprile, ha l’obiettivo di mettere in luce monumenti caratteristici della città dilettando ogni avventore con informazioni a riguardo.

Durante il percorso Blu “Verona tra Castelli e Rioni”, le tappe previste hanno luogo presso Castelvecchio, Rione Carega e piazza Duomo.

Castelvecchio è il più importante monumento militare degli Scaligeri, una delle dinastie che governò per più tempo a Verona. Castello ben conservato all’esterno e nel cortile interno, attualmente adibito ad ospitare un museo civico. Affiancato da un ponte fortificato, esclusivamente pedonale che fa da tramite ai due argini del fiume Adige.

Rione Carega è una piccola contrada tra piazza Erbe e piazza Duomo la cui storia e struttura la rendono affascinante. Ricca di corti, vicoli e scorci da renderlo uno dei Rioni più suggestivi, a partire dallo stesso lastricato stradale di ciottoli e di origini ottocentesche. Una contrada che brulica di tradizione veronese sia formalmente sia per i locali che vi hanno sede. Un angolo cittadino leggermente separato dalle vie e dalle piazze più trafficate ma inaspettatamente interessante.

Piazza Duomo è una pittoresca piazza del centro storico circondata da edifici risalenti prevalentemente al Medioevo e al Rinascimento. Dominata dall’imponente facciata del Duomo di Verona, principale luogo di culto cattolico della città, di singolare struttura esternamente ed internamente. Spiazzo ospitante anche l’entrata della Biblioteca Capitolare di Verona, una delle più antiche ed importanti biblioteche d’Europa.

Durante il percorso Rosso “Verona Romana”, le tappe previste hanno luogo presso la famigerata Arena, piazzetta San Nicolò e relativa Chiesa antistante, Sottoriva.

L’Arena è uno dei simboli principi della città. Considerato l’anfiteatro di epoca romana con il miglior grado di conservazione sebbene sia stato in parte restaurato. Imponente all’esterno e visibile al pubblico all’interno dalla cui cima si ha una bella vista della piazza sottostante, piazza Brà e degli edifici circostanti. Adibita al Festival lirico e ad eventi di cantanti ed artisti famosi.

Piazzetta San Nicolò si trova a pochi passi dall’Arena e ospita la Chiesa omonima, importante monumento d’architettura veronese e galleria d’arte barocca. Nonostante i restauri, la facciata in stile barocco e la struttura interna ne confermano la modestia. Interessante è il campanile e le sei campane che vengono manualmente suonate a concerto secondo un’antica tecnica di tradizione veronese.

Sottoriva è una delle vie maggiormente pittoresche della città. Strada in ciottoli caratteristica lungo la quale, da un lato, un antico porticato le conferisce un aspetto medievale e, dall’altro, è affiancata da locali ed abitazioni risalenti al duecento/trecento. Tra una casa e l’altra è possibile dilettare di scorci che danno sull’Adige e mostrano parte del panorama cittadino al di là della sponda del fiume.

Durante il percorso Verde “Verona Medievale”, le tappe previste hanno luogo presso le Mura Medievali in via degli Alpini, San Fermo e piazza delle Erbe.

Le Mura Medievali nella zona sud del centro storico rappresentano uno straordinario reperto storico dell’architettura militare veronese. Parte delle mura e relative decorazioni, ancora oggi visibili (salvo qualche rinnovamento) costituivano la cinta difensiva della città .

La zona di San Fermo è considerata luogo caratteristico della città grazie alla maestosità della Chiesa di San Fermo Maggiore. La struttura esterna richiama lo stile romanico e lo stile gotico presentando due logge, absidi decorate con cuspidi e pinnacoli, il portone d’ingresso in bronzo e anch’esso decorato, un altare sepolcrale trecentesco a lato e un campanile strutturato in corsi di cotto e tufo. L’interno presenta una sola navata centrale con cinque absidi, un altare in stile barocco e diversi affreschi romanici lungo le pareti laterali. È possibile, inoltre, visitare parte della chiesa inferiore e il piccolo chiostro adiacente.

Piazza delle Erbe è la più antica piazza di Verona e considerata la più suggestiva. Antico foro durante l’epoca romana e tutt’ora punto centrale da cui si diramano diverse vie del centro storico. Accerchiata da diversi edifici risalenti al medioevo alcuni dei quali ancora affrescati. Il monumento più antico che spicca al centro della piazza è la fontana sormontata dalla statua “Madonna Verona” costruita dai Romani e conseguentemente sottoposta a modifiche durante l’epoca medievale.

Altri monumenti come lo storico capitello al centro, la colonna in marmo bianco verso palazzo Maffei e sul lato opposto un’altra colonna verso via Cappello, Torre dei Lamberti che spunta da dietro, le conferiscono una certa peculiarità. Immancabile meta da ammirare data la bellezza artistica e da visitare data la movida e la varietà di negozi e locali che la circondano.

Scopri come partecipare al Tour Arte e Sapori del Territorio, e vedere questi scorci di Verona cliccando qui.

> Accedi al Tour Arte e Sapori a Verona <


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *