Fuori-Fiera | Salone del Vino 2015

This event is on 20 marzo 2015 18:00


 

Fuori-Fiera | Eventi Dal 20 al 25 Marzo 2015

In occasione del Salone Internazionale del Vino e dei Distillati 2015, Fuori-Fiera organizza e promuove nella città di Verona una serie di eventi.


 

VENERDì 20 MARZO 2015

> CORTE SGARZARIE <

Cultural Tasting with Allegrini

Fuori Fiera ha il piacere di presentare la serata “Cultural Tasting with Allegrini” in Corte Sgarzarie dalle ore 18.00 alle 22.00.

La Loggia del Mangano risale periodo di Mastino II (1329-1351). L’edificio, rimaneggiato rispetto all’originale, è riferibile ad un quartiere medievale detto «Fondaco del segnoro», un quartiere dove vi erano i laboratori dei garzatori, cioè i pettinatori della prima filatura della lana, e dove venivano svolte tutte le funzioni amministrative e di controllo della qualità dei panni, come era previsto dalle norme degli Statuti dell’Arte della lana.

Al di sotto della loggia si trova l’area archeologica di Corte Sgarzerie, dove è visibile parte del complesso del tempio capitolino, la più importante area santuariale della città, affacciata su Piazza Erbe, al centro della quale sorgeva un grandioso tempio dedicato a Giove, Giunone e Minerva.

La prestigiosa casa vitivinicola Allegrini propone la degustazione dei suoi vini Vermentino, Grola e Amarone in combinazione con la visita serale al sito archeologico di Corte Sgarzarie, il tutto con un piccolo contributo di 10€ per i vini e la cultura.

La Famiglia Allegrini è protagonista della storia di Fumane e della Valpolicella fin dal XVI secolo e, da allora, tramanda la cultura della vite e de del vino. Documenti notarili attestano che essa ricopriva un ruolo preminente nella comunità locale e la annoverano tra le famiglie di proprietari terrieri più importanti, da sempre legata al lavoro agricolo ed alla valorizzazione della tradizione contadina.

Il Podere “La Grola” rappresenta, a partire dall’antica leggenda che vuole l’uva Corvina essere nata proprio su questa stupenda collina, il luogo eletto “a fare vino” e, da sempre, il vigneto simbolo della Valpolicella Classica.

L’Amarone è il frutto di tutta la sapienza della famiglia Allegrini, un vero classico della denominazione, un rosso che riassume in sé tradizione, territorio e sapienza contadina. Corvina, Corvinone, Rondinella e Oseleta vengono lasciate appassire almeno fino a dicembre controllandone quotidianamente la sanità.

Il Vermentino della tenuta SoloSole si distingue perché valorizza i profumi e i sapori del territorio Bolgherese. Pulizia e purezza sono i suoi tratti distintivi. Le uve vengono vendemmiate quando il colore degli acini vira al giallo intenso. Il suo nome è Solosole in quanto essenzialmente frutto del lavoro e della maturazione al sole.

Ospiti della serata saranno i professori universitari e ricercatori della facoltà di Enologia di San Florano in Valpolicella che illustreranno i risultati dei progetti di ricerca avviati lo scorso anno e presentati al Fuori Fiera 2014 “Molecolar Wine”, “Co2 Reduction System”, “Thirsty grapes” e “Residuo Zero”.

Per maggiori informazioni riguardo ai progetti consultate il sito della Facoltà di Enologia dell’Università di Verona http://www.univr.it

La FELTRINELLI DALLE ORE 18.00 – Via Quattro Spade 2

La storia del Rock

Ezio Guaitamacchi presenta tra parole e musica il suo libro “La Storia del Rock” (Hoepli).

Ospite la cantante Brunella Boschetti Venturi.


 

SABATO 21 MARZO 2015

> TOUR ARTE E SAPORI DEL TERRITORIO 2015 <

 

Passeggiata enogastronomica e culturale tra i monumenti Unesco di Verona organizzata da Fuori Fiera in collaborazione con il Comune di Verona.

In ogni tappa è prevista una degustazione di un calice di vino e circa 45gr. di prodotti tipici come indicato nei vari percorsi. Inoltre sarà presente in ogni tappa una guida turistica autorizzata che illustrerà la storia del luogo e dei monumenti ed al termine dei percorsi vi sarà la possibilità di acquistare i prodotti degustati direttamente dai produttori presenti in piazza Brà, dove si potrà ascoltare la diretta del nostro media partner Radio Number One.

Possibilità massima di 1.000 iscrizioni !

 


 

 

DOMENICA 22 MARZO 2015

> PIAZZA BRA <

SARTORI WINE TASTING

Domenica 22 marzo dalle ore 15.00 alle 20.00 in piazza Bra Fuori Fiera vi aspetta presso l’info point dedicato e offrirvi i buoni degustazioni  per assaggiare il prestigioso vino della casa vinicola Sartori:  “Montegradella” Valpolicella Classico Superiore DOC in collaborazione con i ristoranti La Costa, L’Ulivo, Liston 12 e Vittorio Emanuele fino ad esaurimento scorte e con un piccolo contributo di 2€.

“Montegradella” Valpolicella Classico Superiore DOC realizzato con una selezione dei migliori grappoli dei vigneti di Montegradella. Le uve sono pigiate delicatamente e poste a fermentare per 8/10 giorni a temperatura controllata; dopo la pigiatura viene eliminata una frazione del 10-20% del mosto per ottenere così una maggiore concentrazione delle bucce durante la fermentazione; ciò permette di incrementare il colore e i tannini di questo vino. Dopo la svinatura e la successiva fermentazione malolattica, ha inizio l’affinamento che si protrae per circa 18-24 mesi sia in cemento che in grandi botti di rovere. Il vino riposa quindi per altri 4 mesi in bottiglia.

Piazza Bra è casa della celeberrima Arena, anfiteatro di Verona.

Essa rappresenta l’opera architettonica senza dubbio più imponente, complessa e caratteristica nel panorama monumentale della città, al punto da esserne riconosciuta come simbolo. Sebbene sia noto che l’Arena fu edificata nel corso del I secolo d. C., negli ultimi anni del regno dell’imperatore Augusto, storici e architetti non sono ancora concordi nel definire la data precisa della sua costruzione.

L’evento prevede anche l’esposizione di varie moto, scooter e biciclette della concessionaria “2 ruote” di Verona presente con il proprio personale e disponibili per test e dimostrazioni al pubblico.

La FELTRINELLI DALLE ORE 19.00 – Via Quattro Spade 2

Daniela Farnese

Daniela Farnese parlerà del suo libro “A noi donne piace il rosso” (Newton&Compton). Interviene Carlo Vischi.

Ospite Maria Teresa De Iana alias @egyzia.

Aperitivo a cura di Faberest con Movimento Turismo del Vino Lombardo.


 

LUNEDì 23 MARZO 2015

> PIAZZA CORRUBIO < 

San Zeno New Square

Lunedì 23 Marzo dalle ore 17.00 alle 21.00 è prevista la degustazione dei vini Farina di Pedemonte, Asti DOCG e Bracchetto d’Acqui in collaborazione con il locale Zen Lounge Bar.

Vi sarà la possibilità di assaggiare un calice di vino e degustazione di gnocchi classici con un contributo di 7€ oppure anche solo un calice di vino in compagnia con un contributo di 2€.

La serata sarà animata dal dj-set di PowerdMilk con musica deep house Ibiza.

L’azienda Farina: Amena corticella pedecollinare, appena fuori Verona, nel cuore della Valpolicella, terra dalle grandi tradizioni enoiche. Un arco di tufo con al centro un antico stemma araldico dà l’accesso ad una stupenda casa patriarcale del ‘500: qui le origini della famiglia Farina. L’azienda vinicola nasce agli inizi del ‘900, dalla passione per la vite e per il buon vino, dall’ingegno e dalla voglia dei suoi capostipiti di valorizzare e diffondere l’enorme potenziale vitivinicolo della loro terra d’origine.

Il Consorzio per la tutela dell’Asti è stato ufficialmente costituito il 17 dicembre 1932 e riconosciuto nel 1934. La sua opera iniziale fu di far vinificare, sotto la sola denominazione di “Asti”, il vino tutelato, di definire la zona di origine, il vitigno moscato bianco, la tecnica di preparazione, le tipologie finali.

Il Consorzio Tutela Vini d’Acqui nasce nel 1992 ad Acqui Terme con lo scopo di controllare e regolamentare la crescita del Brachetto a tutela del territorio d’origine, dei suoi produttori e del consumatore finale. Nel 1996 il Brachetto d’Acqui ottiene la DOCG grazie al forte impulso del Consorzio che contribuisce a definire con maggiore precisione, dal punto di vista legale ed amministrativo, le peculiarità sia del vino sia dello spumante, elevando così il livello di entrambe le categorie tutelate. Il Consorzio concretizza inoltre il proprio impegno volto alla valorizzazione della denominazione attraverso un’attenta programmazione della produzione, ad azioni di promozione mirate alla crescita della visibilità di un marchio simbolo del Made in Italy e ad attività educative mirate a divulgare le qualità del Brachetto e a sostenerne la commercializzazione in Italia e all’estero.

San Zeno è una delle zone più prestigiose della città di Verona grazie alla sua chiesa, la quale è casa di importanti testimonianze storico-culturali.

Nel 380 il corpo del santo fu seppellito in un cimitero paleocristiano vicino alla via Gallica, dove Teodorico il Grande fece erigere una piccola chiesa in suo onore. All’inizio del IX secolo Pipino re dei Franchi, il Vescovo Ratoldo e l’Arcidiacono Pacifico decisero di realizzare una struttura più grande con un monastero annesso, da dedicare al culto delle reliquie del Santo. L’8 dicembre 806 la nuova chiesa fu consacrata e nel maggio dell’807 vennero traslate le reliquie del Santo. La chiesa fu poi distrutta dagli Ungari nel X secolo e ricostruita per volontà dell’imperatore Ottone I e del Vescovo Raterio.  La chiesa attualmente visibile è frutto di consistenti restauri e modifiche avvenute le corso dei secoli, che l’hanno resa uno dei più magnifici esempi di romanico italiano.

La FELTRINELLI DALLE ORE 19.00 – Via Quattro Spade 2

Vini, Amori

Camilla Baresani e Gelasio Gaetani D’Aragona sono ospiti per parlare del loro libro Vini, Amori (Bompiani). Presenta Anna Zegarelli. Aperitivo a base di Porsecco DOCG Re-Born.


 

MARTEDì 24 MARZO 2015

 

> FRANCIACORTA WINE TIME <

 

Serata di degustazione di vini Franciacorta e Lugana, con degustazioni di risotto all’Amarone proposta dal dall’estroso Giovanni del Zen Loung Bar partner di Fuori Fiera. é gradita la prenotazione al 3351777331.

Il Franciacorta è uno spumante a DOCG la cui produzione è consentita in provincia di Brescia.

Prende il nome dall’omonima zona, la Franciacorta.

La UE riconosce al Franciacorta insieme all’Asti e al Marsala, (gli unici 3 casi italiani) la possibilità di indicazione senza altri termini qualificativi: pertanto, è più corretto/legittimo dire “Franciacorta” e non “spumante Franciacorta”, esattamente come accade, da secoli, per lo Champagne.

La caratteristica fondamentale del Franciacorta è che l’unico metodo ammesso per la presa di spuma è quello tradizionale ovvero la rifermentazione in bottiglia (quella utilizzata da 3 secoli in Champagne), detto anche metodo classico. Inoltre, è stata la prima DOCG in Italia esclusivamente dedicata al metodo classico.

Nel territorio di Provaglio d’Iseo sono stati rinvenuti vinaccioli risalenti all’epoca delle palafitte: ciò dimostra che la vite era presente nella zona già nella preistoria. Per le epoche successive esistono le testimonianze di autori classici latini (Plinio, Colummella, Virgilio) e documenti del IX, X e XI secolo relativi ai monasteri della zona ad attestare l’importanza della viticoltura nell’economia medievale nella Franciacorta moderno. Area molto importante anche durante il periodo romano, in quanto era il passaggio naturale tra est ed ovest. Resti romani un po’ in tutta l’area. Il periodo delle Signorie vede in particolare la signoria della Scala primeggiare, resti importanti a Sirmione (il castello) e a Peschiera del Garda (resti del castello e della Rocca fortificata su base romana). Periodo veneziano (1440 – 1797) (città fortificata di Peschiera del Garda e altro), periodo francese e poi regno absburgico fino al 1860 circa. L’area passa al regno d’Italia definitivamente dopo la prima guerra d’indipendenza. È controverso che da Lugana derivi il nome della tipica salsiccia fresca lombarda la luganega che altri vuole invece che derivi da Lucania.

Il Lugana è un vino DOC la cui produzione è consentita nelle province di Brescia e Verona.

Il nome della denominazione deriva dalla frazione omonima sita nel comune di Sirmione in Provincia di Brescia.

Il Vino Lugana viene prodotto nella zona del basso Garda, su un particolare terreno molto argilloso, residuo delle ultime glaciazioni, ossia la base di quello che era il ghiacciaio che formò il lago di Garda. Questa parte dell’area gardesana è famosa anche per i resti dell’età del bronzo, con reperti tuttora visibili che vanno dal bronzo antico al bronzo moderno. Area molto importante anche durante il periodo romano, in quanto era il passaggio naturale tra est ed ovest. Resti romani un po’ in tutta l’area. Il periodo delle Signorie vede in particolare la signoria della Scala primeggiare, resti importanti a Sirmione (il castello) e a Peschiera del Garda (resti del castello e della Rocca fortificata su base romana). Periodo veneziano (1440 – 1797) (città fortificata di Peschiera del Garda e altro), periodo francese e poi regno absburgico fino al 1860 circa. L’area passa al regno d’Italia definitivamente dopo la prima guerra d’indipendenza. È controverso che da Lugana derivi il nome della tipica salsiccia fresca lombarda la luganega che altri vuole invece che derivi da Lucania.

La FELTRINELLI DALLE ORE 19.00 – Via Quattro Spade 2

Assaggi di Grappa

Incontro con Maddalena Baldini autrice di Assaggi di Grappa. Per conoscerla, sceglierla e abbinarla (Trenta Editore). Sarà presente Alessandro Marzadro. Al termine dell’evento, degustazione di grappa a cura del barman Leonardo Veronesi.

Quando si parla di grappa si pensa subito alla montagna, ai canti degli alpini e ai bicchierini colmi di buon distillato capaci di allietare un fine pasto. Ebbene questa eccellenza italiana è molto di più, un mondo da esplorare a partire dalla sua storia, certo, ma senza dimenticare la sua estrema versatilità. Nascono così gli abbinamenti nel piatto ideati da un grande chef e quelli nel bicchiere ad opera di un grande barman: ricette e cocktails facili da preparare, anche in casa, e magici da assaggiare per scoprire che il celebre distillato si può sì sorseggiare ‘in purezza’, ma possiede caratteristiche che lo rendono straordinario anche in altri momenti.


 

MERCOLEDì 25 MARZO 2015

> La FELTRINELLI <

Vini e Vinili

Buona musica, buona letteratura e l’eccellenza del gusto sono gli ingredienti per la presentazione del volume “Vini e vinili. 33 giri di rosso.” (Arcana) in compagnia dell’autore Maurizio Pratelli e del cantautore Massimo Bubola. A seguire degustazione a cura della cantina Monte dall’Ora.

Avete mai gustato una canzone di Leonard Cohen con un buon bicchiere di Barbera? Scoperto i sentori e il retrogusto di un Montepulciano ascoltando Nick Cave? Trovato in un album di Bob Dylan la stessa poesia di un Amarone? Attraversato le atmosfere che pervadono Tupelo Honey di Van Morrison in compagnia di un Brunello? Questi e tanti altri sono i duplici oggetti del piacere di Vini e Vinili, una guida all’ascolto di alcuni dei più grandi classici del rock d’autore abbinati a una collezione di vini naturali prodotti con genio e poesia dalle piccole grandi aziende del nostro Paese. Una meditata selezione, universale come finiscono per essere tutte le scelte rigorosamente personali, di album che sembrano nati per morire in un bicchiere di rosso, da consumare senza fretta, con passione. Un gioco fra orecchio e palato che permette di raccontare con parole nuove alcuni gioielli del patrimonio musicale internazionale e della tradizione enologica italiana. Un viaggio sentimentale nelle terre del vino ritmato dalla selezione più alta della storia del rock.


Piazza Brà


  1. mari spinn says:

    Complimenti vivissimi.
    Per i bellissimi eventi
    in occasione del
    Vinitaly 2015.
    Tutti eventi interessantissimi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *